• Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto

1 Dicembre

Beato Giovanni Da Vercelli

sacerdote (+ 1283)

      Giovanni Garbella nacque nei primi anni del secolo XIII a Mosso Santa Maria (Vercelli). Conseguita brillanetemente la laurea in Diritto romano e canonico, insegn nella stessa universit di Parigi dore si era addottorato, quindi a Vercelli. Quivi, per consiglio del beato Giordano entr nell'Ordine (1229) e fond un convento che resse come priore. Divenne successivamente Vicario del Maestro generale in Ungheria, priore di Bologna, Provinciale di Lombardia, VI MAestro dell'Ordine (1264).

     L'attivit di questo animoso vercellese sorprendente esvariatissima: paciere tra le citt d'Italia; inquisitore della regione veneta; promotore della crociata; amabasciatore a Venezia, Genova, Pisa, Firenze, Bologna; legato pontificio alle corti di Francia e di Castiglia, consigliere di Clemente IV, Giovanni provvide alla decorosa sistemazione della tomba di San Domenico ordinando  l'arca marmorea nella quale trasfer poi personalmente le reliquie (1267). Due volte supplic il pontefice perch l'esonerasse dalmagistero, ma su richiesta dell'Ordine non venne esaudito e conserv la carica fino alla morte, avvenuta il 30 novembre 1283 nel convento di Montepellier. Religioso austero e paterno, attese al consolidamento dell'Ordine che instancabilmente visit a piedi, dando ovunque esempio di vita integerrima e facendo rifulgere davanti ai religiosi la figura di San Domenico che egli aveva avuto la fortuna di conoscere. Fu legato di cordiale amicizia a san Tommaso di cui vener la memoria e segu la dottrina.

        Le sue reliquie, deposte nella chiesa domenicana di Montpellier, furono disperse dalgi eretici nel secolo XVI.

        Il suo culto fu confermato il 7 settembre 1903 da san Pio X.