• Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
  • Domenicane di San Sisto
Slideshow Image 1
Slideshow Image 2
Slideshow Image 3
Slideshow Image 4
Slideshow Image 5
Slideshow Image 6
Slideshow Image 7
Slideshow Image 8
Slideshow Image 9
Slideshow Image 10
Slideshow Image 1
Slideshow Image 2
Slideshow Image 3
Slideshow Image 4
Slideshow Image 5
Slideshow Image 6
Slideshow Image 7
Slideshow Image 8
Slideshow Image 9
Slideshow Image 10

4 gennaio

Santa Zdislava di Lemberk
Madre di famiglia
Terziaria Domenicana

1220-1252

     Santa Zdislava può essere considerata uno dei primi fiori di santità sbocciati nel terz’Ordine Domenicano tra le nazioni slave. Nacque nel 1220 a Krizanov in Moravia da genitori molto pii. Il padre Prybislav e la madre Sibilla erano castellani delle città di Veveri e Brno, quali rappresentanti del Re Venceslao I.

      Già verso i sette anni la piccola Zdislava sentì l’attrattiva per le cose dello spirito e coltivava nel cuore il desiderio di consacrarsi a Dio ma, assecondando il desiderio dei genitori, si unì in matrimonio intorno ai vent’anni  con Gallo di Jablonnè, signore di Lemberk, fiduciario del Re e colonizzatore della Boemia settentrionale. Nella sua nuova vita, pur tra tanto sfarzo nel castello principesco dove l’aveva condotta il suo sposo, Zdislava alimentò la fiamma della carità e dell’amore di Dio. Si dimostrò un’anima di profonda preghiera, di grande penitenza e di squisita carità. Mai nessuno bussò alla sua porta senza ricevere da lei un aiuto, una parola o un sorriso. Seppe rendersi guida e maestra di vita cristiana sia per il marito, sia per i quattro figli nati dal loro matrimonio, sia per quel mondo di vassalli , di servi e di poveri che formavano il suo piccolo popolo.

      Il Signore premiò questa sua serva fedele con una gioia inaspettata. Nella sua città natale arrivarono infatti i figli di S. Domenico che andavano allora diffondendosi nelle regioni del Nord Europa. Ella li accolse come un dono del cielo, divenendo loro “sorella” e vestendo l’abito del terz’Ordine. Per far rimanere stabilmente i frati Predicatori, fondò per loro, insieme al marito, i monasteri Domenicani di Jablonnè e Turnov, e in seguito l’ospedale e il convento Francescano di Brno e l’abbazia Cistercense di Zoar.

      Morì a Jablonnè nel 1252 a soli 32 anni ed è sepolta nella chiesa domenicana di S. Lorenzo,  elevata al grado di Basilica in memoria della sua canonizzazione avvenuta per volontà del Beato Giovanni Paolo II il 21 maggio 1995 nella città di Olomouc in Slovacchia. E’ venerata dal popolo Ceco come protettrice della Patria modello di madre virtuosa e di sposa fedele.

La sua memoria liturgica si festeggia il 4 gennaio.                           

 
Santi domenicani